L'allenamento cognitivo riduce il congelamento dell'andatura FoG nei pazienti affetti dal disturbo di Parkinson

17.06.2018

Uno studio capitanato dal dott Simon Lewis, professore di neuroscienza cognitiva all'University of Sydney's Brain and Mind Center e al Royal Prince Alfred Hospital in Australia, ha confermato che il congelamento dell'andatura ha avuto una significativa riduzione della gravità FoG a seguito di allenamento cognitivo.

Sessantacinque pazienti sono stati randomizzati nello studio. I pazienti affetti da morbo di Parkinson che si sono dichiarati FoG e liberi da demenza sono stati assegnati in modo casuale ad essere sottoposti ad un intervento di allenamento cognitivo e ad un controllo attivo in due gruppi. Il campione d'interesse comprendeva un gruppo di 20 pazienti assegnati in modo casuale all'intervento di allenamento cognitivo e 18 randomizzati al gruppo di controllo attivo.

I gruppi erano guidati da medici e sottoposti al trattamento due volte alla settimana per sette settimane. L'outcome primario era conoscere la percentuale di tempo trascorso in fase congelamento durante l'attività "Timed up and go" valutata mentre i pazienti erano entrambi in terapia dopaminergica.

Gli esiti secondari comprendevano diverse misure neuropsicologiche e psicosociali, tra cui la valutazione dell'umore, del benessere, della durata e della qualità del sonno.

I Risultati:I ricercatori riportano che i pazienti nel gruppo di allenamento cognitivo hanno mostrato una significativa riduzione statisticamente significativa della gravità di FoG in abbinamento al farmaco dopaminergico rispetto ai partecipanti del gruppo di controllo attivo anch'essi in abbinamento ai farmaci dopaminergici.

I pazienti che hanno eseguito l'allenamento cognitivo hanno anche mostrato una migliore velocità di elaborazione cognitiva e una ridotta sonnolenza diurna rispetto a quelli del controllo attivo, tenendo conto anche dell'effetto del farmaco dopaminergico. Non c'è stata differenza tra i gruppi quando sono stati testati senza il loro normale farmaco dopaminergico.

"Crediamo che ci sia una ragione per sperare nell'uso di questi studi in futuro", ha detto il capo dello studio, il dott. Simon Lewis, "Il feedback che abbiamo avuto dai partecipanti e dai familiari coinvolti in questo studio è stato estremamente positivo: i risultati di questo studio pilota evidenziano tendenze positive e l'importanza degli studi non farmacologici che coinvolgono l'allenamento cognitivo è diventata sempre più chiara". Il gruppo di ricerca, composto da studiosi dell'Università di Sydney, della Western Sydney University e della Cambridge University, afferma che il congelamento dell'andatura è migliorato solo mentre i pazienti erano trattati con farmaci dopaminergici.

"L'assunzione di farmaci dopaminergici come prescritto è il normale stato diurno per i pazienti con malattia di Parkinson", ha detto l'autore principale dello studio, il dott. Courtney Walton, precedentemente all'Università di Sydney e ora all'Università del Queensland.

"Mentre sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio e stabilire questi risultati, è probabile che i partecipanti allo stato off-dopaminergico fossero troppo indeboliti per trarre beneficio da uno qualsiasi dei potenziali cambiamenti avviati attraverso l'allenamento cognitivo".

I ricercatori affermano anche che sono necessari ulteriori studi che utilizzano campioni più ampi per indagare su questa scoperta iniziale che l'allenamento cognitivo può ridurre la gravità del congelamento dell'andatura nei pazienti affetti da malattia di Parkinson.

Fonte: https://sydney.edu.au/

Praticare tennis è una fonte di allenamento cognitivo!